Reporting the underreported threat of nuclear weapens and efforts by those striving for a nuclear free world.

A project of The Non-Profit International Press Syndicate Group with IDN as flagship agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative
status 
with ECOSOC.

 

Il Regno Unito sfida i trattati nucleari e rafforza l'arsenale atomico

Di Jamshed Baruah

Foto: un missile Trident lanciato da un sottomarino in immersione con missili balistici. Fonte: Wikimedia Commons.

GINEVRA (IDN) – A meno di tre mesi dal completo ritiro del Regno Unito da tutte le istituzioni dell'Unione europea e dalla Comunità europea dell'energia Atomica il 31 gennaio 2021, il Primo Ministro Boris Johnson ha deciso di aumentare del 40%, a 260 testate, l’arsenale nucleare del Paese per “continuare a essere il principale alleato europeo all'interno della NATO”. Attivisti ed esperti per il disarmo nonché parlamentari mondiali hanno criticato la decisione.

Il pericolo derivante dalle armi nucleari è sottolineato dal fatto che una sola testata atomica potrebbe uccidere migliaia di persone con conseguenze umanitarie e ambientali durature e devastanti. La maggior parte delle armi atomiche moderne sono molte volte più potenti rispetto alla bomba sganciata su Hiroshima.

Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), gli stati armati del mondo possiedono un totale combinato di quasi 13.500 testate nucleari; oltre il 90 per cento appartiene alla Russia e agli Stati Uniti. Circa 9.500 testate sono in servizio militare e il resto in attesa di essere smantellato.

Il programma nucleare del Regno Unito, noto come Trident, istituito nel 1980, costa ora al Paese circa 2,8 miliardi di dollari all'anno per funzionare. La “Integrated Defense Review” di 111 pagine, presentata il 16 marzo, afferma che il Regno Unito sta eliminando una restrizione autoimposta sul suo arsenale nucleare per aumentarlo a 260, abbandonando quindi il limite precedente di 225 testate e l'attuale obiettivo di riduzione di 180 entro la metà degli anni '20.

Allo stato attuale, il Regno Unito è attualmente impegnato in un costoso e lungo progetto per costruire nuovi sottomarini con capacità nucleare, di base al largo delle coste della Scozia, nonostante le resistenze scozzese alla bomba. Solo nel 2019, il Regno Unito ha speso 8,9 miliardi di dollari per le sue armi nucleari.

Inoltre, la decisione arriva in un momento in cui la maggior parte dei Paesi del mondo ha dichiarato che le armi nucleari sono illegali. In tal modo, il Regno Unito si sta muovendo nella direzione sbagliata per aumentare le sue scorte di armi di distruzione di massa.

Inoltre, questa decisione va contro l'impegno del Regno Unito ai sensi del Trattato di non proliferazione nucleare (NPT) per il disarmo, nonché i divieti previsti dal Trattato sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW) sul possesso, lo sviluppo e la produzione di armi nucleari.

Beatrice Fihn, direttrice esecutiva dell'ICAN, ha giudicato il piano del Regno Unito per aumentare la sua scorta di armi di distruzione di massa nel mezzo di una pandemia come “irresponsabile e pericoloso” e in violazione del diritto internazionale. “Mentre il popolo britannico sta lottando per far fronte alla pandemia, a una crisi economica, alla violenza contro le donne e al razzismo, il governo sceglie di aumentare l'insicurezza e le minacce nel mondo. Un atto di mascolinità tossica in mostra”.

Fihn, capo della Campagna internazionale per l'abolizione delle armi nucleari (ICAN), premio Nobel 2017, ha aggiunto: “Mentre la maggior parte delle nazioni del mondo sta aprendo la strada a un futuro più sicuro senza armi nucleari aderendo al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, il Regno Unito sta spingendo per una nuova pericolosa corsa agli armamenti nucleari”.

Nel frattempo, la maggioranza dell’opinione pubblica supporta i membri del parlamento e delle città, tra cui Manchester e Oxford, che chiedono al Regno Unito di aderire al TPNW. “La politica britannica dovrebbe seguire la volontà del popolo e il diritto internazionale e rifiutare le armi nucleari per sempre”.

“La scioccante espansione del Regno Unito in merito alla sua capacità di armi nucleari arriva senza una spiegazione di come ciò sia nell'interesse nazionale o globale. È una voce sorda alla mancanza di consenso interno per una tale mossa in cui il primo ministro e il governo scozzesi sono impegnati in modo inequivocabile per il TPNW; città tra cui Manchester, Edimburgo, Oxford, Brighton e Hove, Norwich e Leeds, si sono impegnate per sostenere l'attuazione del Trattato e la maggior parte della pubblica opinione britannico pensa che la Gran Bretagna dovrebbe aderire al TPNW”.

Ben Donaldson, capo delle Campagne per l'organizzazione partner dell'ICAN UNA-UK, ha dichiarato: “Questa decisione è assimilabile a una combinazione tossica di militarismo e arroganza. Abbiamo bisogno che il governo del Regno Unito investa in misure per combattere il cambiamento climatico e le pandemie, non innescare una pericolosa nuova corsa agli armamenti nucleari”.

Anche la Campagna per il disarmo nucleare (CND), che fa parte dell'ICAN, ha condannato la decisione del Regno Unito. Questa organizzazione di base ha condotto con successo presso le Nazioni Unite una campagna per un divieto globale delle armi nucleari. Il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari è entrato in vigore nel gennaio 2021.

Nel frattempo, anche Oliver Meier, dell’Istituto per la ricerca sulla pace e la politica di sicurezza (IFSH) dell'Università di Amburgo, si è unito alle critiche nei confronti del Regno Unito per aver cambiato drasticamente la sua strategia nucleare, mettendola potenzialmente in contrasto sia con la NATO che con gli Stati Uniti.

“Il Regno Unito si è impegnato, in base al trattato di non proliferazione nucleare, a ridurre il numero e il ruolo delle armi nucleari”, ha commentato Meier all'emittente internazionale tedesca Deutsche Welle. “Vi è anche l'obbligo di lavorare verso l'obiettivo di un mondo senza armi nucleari, che è difficile conciliare con questa decisione”, ha aggiunto.

La “Integrated Defense Review” avverte che il Regno Unito potrebbe usare armi nucleari se altri Paesi usassero “armi di distruzione di massa” contro di essa. Tali armi includono “tecnologie emergenti che potrebbero avere un impatto paragonabile” alle armi chimiche, biologiche o ad altre armi nucleari.

Secondo alcuni addetti ai lavori della difesa, le “tecnologie emergenti” comprendono gli attacchi informatici, anche se il rapporto non lo dice esplicitamente. Tuttavia, Tom Plant, direttore del gruppo di esperti del Royal United Services Institute, ha dichiarato alla CNBC: “Non lo interpreterei in modo da includere gli attacchi informatici individualmente, no”.

Ha aggiunto che “la comprensione di ciò che costituisce le tecnologia emergenti nel governo non è distribuita in modo uniforme: il cyber non è sicuramente una tecnologia “emergente”. Piuttosto, è sostanzialmente emersa”. In ogni caso, Plant ritiene che il cambiamento di linguaggio sia significativo.

A suo avviso, il linguaggio è un'indicazione che in futuro esiste il potenziale affinché tecnologie e comportamenti diversi collaborino per creare rischi emergenti, “che forse non sorgerebbero attraverso gli sviluppi di nessuna tecnologia in modo individuale”, che sono incredibilmente difficili da prevedere e che “vi è almeno la possibilità che una o più di queste sfide emergenti ancora sconosciute possano competere con le armi di distruzione di massa nella minaccia che rappresentano”, ha detto Plant.

L'annuncio del Regno Unito ha generato preoccupazione in tutto il mondo, come evidenziato da una dichiarazione in cui il Regno Unito ha rinunciato alla propria responsabilità globale nell'impennata delle armi nucleari, rilasciata il 19 marzo da Gareth Evans, presidente dell'Asia-Pacific Leadership Network ed ex ministro degli Esteri australiano.

Nella dichiarazione, Evans osserva che la mossa politica del Regno Unito, tra le altre cose, è “una chiara violazione del suo obbligo ai sensi del Trattato di non proliferazione nucleare di perseguire il disarmo nucleare, e minerà qualsiasi prospettiva di consenso durante la prossima Conferenza di revisione sul NPT”.

Egli osserva inoltre che la mossa è “una chiara violazione del suo obbligo morale di aiutare a eliminare le armi più indiscriminatamente disumane mai escogitate, il cui uso in una guerra nucleare rappresenterebbe una minaccia esistenziale per la vita su questo pianeta per come la conosciamo”.

Evans sottolinea che è tempo che gli stati dotati di armi nucleari nel mondo “riconoscano di nuovo la forza della dichiarazione di Reagan/Gorbaciov del 1985, secondo la quale “una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta”, e intraprendano un programma serio di riduzione del rischio nucleare, compresa la riduzione del dispiegamento di armi, la loro disattivazione, l'impegno a non colpire per primi e, soprattutto, la riduzione del numero di scorte”.

Sia il signor Evans che la baronessa Sue Miller della Camera dei Lord del Regno Unito e copresidente dei Parlamentari per la non proliferazione e il disarmo nucleare (PNND) sono sostenitori dell'Appello per un mondo libero dalle armi nucleari. [IDN-InDepthNews - 22 marzo 2021]

Foto: un missile Trident lanciato da un sottomarino in immersione con missili balistici. Fonte: Wikimedia Commons.