Reporting the underreported threat of nuclear weapens and efforts by those striving for a nuclear free world.

A project of The Non-Profit International Press Syndicate Group with IDN as flagship agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative
status 
with ECOSOC.

 

Gli Stati Uniti costruiscono un patto "sistemico" per contrastare la crescente influenza della Cina

Di J Nastranis

NEW YORK (IDN) — Quasi cinque mesi dopo la fine dell'erratica presidenza di Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha innescato una sorta di patto 'sistemico' contro la Cina, con i partner del G-7, della NATO e dell'Unione Europea, ai vertici dell'11-15 giugno.

Trenta alleati della NATO hanno concordato che “[ci] confronteremo con la Cina al fine di difendere gli interessi di sicurezza dell'Alleanza. ... le ambizioni dichiarate della Cina e il suo comportamento assertivo presentano sfide sistematiche all'ordine internazionale basato sulle regole e alle aree rilevanti per la sicurezza dell'Alleanza”.

I membri dell'alleanza hanno anche chiesto al segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, di sviluppare un nuovo concetto strategico da adottare al vertice del prossimo anno a Madrid. "Per Washington, è stata una vittoria che la NATO, la pietra angolare della rete di alleanze degli Stati Uniti, riconosca la sfida posta dalla Cina ed espanda la sua attenzione prevalentemente transatlantica", scrive Daniel Baer, socio senior del Carnegie Endowment for International Peace ed ex ambasciatore degli Stati Uniti presso l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) dal 2013 al 2017. L'OSCE è composta da 57 Stati partecipanti, provenienti da Europa, Asia centrale e Nord America.

La dichiarazione della NATO è stata seguita dal  vertice del G-7 (11-13 giugno in Cornovaglia) che si è concentrato sui fallimenti della Cina in materia di diritti umani, oltre alle sfide di Pechino sulla sicurezza e lo stato di diritto: "promuoveremo i nostri valori, anche invitando la Cina a rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali, soprattutto in relazione allo Xinjiang e a quei diritti, libertà e alto grado di autonomia per Hong Kong sanciti dalla dichiarazione congiunta sino-britannica e dalla legge fondamentale", si legge nel comunicato del vertice.

Questo, dice Baer, è un passo avanti rispetto all'ultimo vertice in presenza del G-7, tenuto nel 2019, che ha semplicemente preso atto della Dichiarazione congiunta e della Legge fondamentale e ha chiesto di evitare la violenza, piuttosto che chiedere effettivamente il rispetto dei diritti e delle libertà. E l'ultima dichiarazione del vertice non conteneva alcun riferimento alla campagna cinese contro i musulmani uiguri nello Xinjiang, che sia Biden che il segretario di Stato americano Antony Blinken hanno dichiarato costituire un genocidio.

La dichiarazione congiunta del vertice USA-UE ha incluso un impegno reciproco a coordinare le politiche e ha fatto eco al G-7 nel fare un riferimento diretto al comportamento minaccioso della Cina nello stretto di Taiwan. "Non era mai stato menzionato prima in una dichiarazione congiunta tra un presidente degli Stati Uniti e la leadership dell'UE".

Tuttavia, come riportato da Reuters, la Cina il 16 giugno ha respinto e condannato la dichiarazione congiunta fatta dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea con la quale è stata attaccata. Il governo cinese si oppone fermamente a qualsiasi paese che impone le proprie richieste ad altri paesi, ha detto Zhao Lijian, un portavoce del ministero degli Esteri cinese, in un consueto comunicato stampa. Questo in risposta al fatto che gli Stati Uniti e l'Unione Europea si sono impegnati a cooperare su una serie di questioni globali, tra cui l'affrontare la Cina.

"La zuppa non si mangia mai bollente come si cucina", ha osservato un esperto. L'UE è il più grande partner commerciale della Cina, e nel 2020, la Cina ha superato gli Stati Uniti diventando il più grande partner commerciale dell'UE. La maggior parte di questo rapporto commerciale riguarda beni industriali e manufatti. Solo tra il 2009 e il 2010 le esportazioni dell'UE verso la Cina sono aumentate del 38% e le esportazioni della Cina verso l'UE sono aumentate del 31%.

Inoltre, la Cina è intervenuta in aiuto dell'Italia quando il paese era all'epicentro dell'epidemia di COVID-19 di quest'anno in Europa, nel momento in cui l'UE non è riuscita a dare assistenza e forniture mediche all'Italia.

In questo contesto, Daryl G. Kimball, direttore esecutivo dell'Associazione per il controllo delle armi, si è espresso contro "l'allarmismo" e ha chiesto di coinvolgere la Cina nel controllo delle armi.

Si riferisce a  documenti trapelati di recente che sottolineano che, per più di sei decenni, gli Stati Uniti sono stati in apprensione per l'influenza regionale, le attività militari e il potenziale nucleare della Cina. Per esempio, nel 1958, i funzionari statunitensi hanno valutato l'uso di armi nucleari per contrastare gli attacchi dell'artiglieria cinese sulle isole controllate da Taiwan. "Allora, come oggi, un conflitto nucleare tra Stati Uniti e Cina sarebbe devastante".

Anche l'ammiraglio Charles Richard, capo del comando strategico degli Stati Uniti, ha dichiarato a febbraio: "C'è una reale possibilità che una crisi regionale con la Russia o la Cina possa degenerare rapidamente in un conflitto nucleare, se percepissero che una sconfitta convenzionale possa minacciare il regime o lo stato".

Ancora peggio, aggiunge Kimball, mentre le tensioni tra Stati Uniti e Cina continuano a crescere, molti membri del Congresso, insieme con l'establishment americano delle armi nucleari, stanno ipotizzando che lo sforzo di modernizzazione delle armi nucleari in corso della Cina sia una nuova grande minaccia.

Durante la sua deposizione davanti al Congresso ad aprile, Richard ha affermato che l'esercito cinese è impegnato in una "espansione vertiginosa" del suo arsenale di circa 300 armi nucleari. Egli ha sostenuto che questo richiede una fortificazione dell'arsenale nucleare degli Stati Uniti, che è già 10 volte più grande di quello della Cina.

Invece, sostiene Kimball, i politici statunitensi devono evitare iniziative che stimolino la competizione nucleare con la Cina, e condurre colloqui seri progettati per prevenire errori di calcolo e ridurre il rischio di conflitti. Gli Stati Uniti hanno anche bisogno di sviluppare una strategia realistica che coinvolga la Cina e gli altri principali stati dotati di armi nucleari nel processo di disarmo nucleare.

Secondo le proiezioni degli Stati Uniti, la Cina potrebbe incrementare le dimensioni del suo arsenale. Sta schierando nuovi missili a combustibile solido che possono essere lanciati più rapidamente dei suoi vecchi missili a combustibile liquido, aumentando il numero dei suoi missili a lungo raggio che sono armati con testate multiple, caricando un maggior numero dei suoi missili balistici intercontinentali (ICBM) su camion mobili e continuando a migliorare la sua forza nucleare marittima.

"Queste mosse, sebbene siano preoccupanti, non giustificano l'allarmismo. La Cina non sta cercando di eguagliare le capacità nucleari degli Stati Uniti. Piuttosto, sta chiaramente cercando di diversificare le sue forze nucleari, in modo da poter conservare un deterrente nucleare che possa resistere a potenziali attacchi nucleari o convenzionali degli Stati Uniti", afferma Kimball.

I programmi nucleari di Pechino inoltre sono probabilmente destinati a garantire una copertura contro l'avanzamento delle capacità di difesa missilistica degli Stati Uniti, quale il sistema marittimo Standard Missile-3 Block IIA, che potrebbe potenzialmente compromettere il potenziale di ritorsione nucleare della Cina, aggiunge.

Nonostante l'arsenale cinese possa essere più piccolo, è comunque pericoloso. Gli sforzi di modernizzazione nucleare di Pechino rendono quanto mai importante perseguire un progresso significativo sul controllo delle armi nucleari, soprattutto perché i leader cinesi sostengono di appoggiare il disarmo non discriminatorio e la deterrenza minima. "Eppure hanno detto che si impegneranno nel controllo delle armi solo quando i leader statunitensi e russi otterranno tagli più profondi nei loro arsenali nucleari, che sono molto più grandi".

Gli Stati Uniti e la Russia possono e devono fare di più per ridurre le loro scorte nucleari esagerate. Ma, come parte del trattato di non proliferazione nucleare, la Cina è anche obbligata a contribuire alla fine della corsa agli armamenti e a raggiungere il disarmo al più presto, sostiene Kimball.

Un ex ministro degli Esteri dell'India ed ex ambasciatore in Cina, Vijay Gokhale, sembra avere una prospettiva diversa. In una lettera aperta pubblicata sull'eminente quotidiano The Hindu, il 20 marzo 2020, il signor Gokhale ha sostenuto che Pechino ha abbandonato il "mantra" della diplomazia cinese.

Scrive: "I diplomatici cinesi misurano le proprie parole e mantengono la loro dignità. Mostravano il loro potere, ma raramente lo esercitavano. Erano capaci di gestire il proprio incarico perché Zhou (il premier Zhou Enlai) gli aveva insegnato che il vero vantaggio nei negoziati era quello di saperne di più della controparte".

Nel luglio del 1971, il premier Zhou Enlai si è incontrato con Henry Kissinger, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano, che era in missione segreta in Cina. Entrambe le parti fecero un annuncio pubblico secondo il quale il presidente americano Richard Nixon sarebbe stato invitato a visitare presto la Cina.

La politica di Zhou fu perpetuata negli anni '80, quando Deng Xiaoping prese le redini. "Deng è morto nel 1997. La Cina ha prosperato proprio come Deng aveva immaginato... Una nuova generazione di diplomatici, con la conoscenza della lingua inglese e una mentalità carrierista, ha iniziato a scalfire le ancore gettate da Zhou e Deng. L'arroganza ha sostituito l'umiltà. La persuasione è stata rapidamente abbandonata a favore del bastone, quando i paesi intraprendono azioni contrarie ai desideri cinesi", conclude Gokhale. [IDN-InDepthNews – 27 giugno 2021]

Foto: il vice segretario di Stato Antony "Tony" Blinken incontra il vice ministro degli Esteri cinese Zhang Yesui al ministero degli Affari esteri a Pechino, in Cina, l'11 febbraio 2015. [Foto del Dipartimento di Stato/ Pubblico Dominio]