Reporting the underreported threat of nuclear weapens and efforts by those striving for a nuclear free world.

A project of The Non-Profit International Press Syndicate Group with IDN as flagship agency in partnership with Soka Gakkai International in consultative
status 
with ECOSOC.

 

Le politiche nucleari violano il diritto alla vita, avvertono le organizzazioni della società civile

Di Jaya Ramachandran

GENOVA (IDN) - Mentre gli sforzi per il controllo degli armamenti e il disarmo si sono fermati, le organizzazioni della società civile insistono sul fatto che le politiche nucleari sono in contrasto con il diritto alla vita. "Ogni essere umano ha il diritto intrinseco alla vita. Questo diritto deve essere protetto dalla legge. Nessuno può essere arbitrariamente privato della propria vita", dichiara l'articolo 6 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR).

Facendo leva sul diritto alla vita sancito da questo Convento, le organizzazioni che promuovono il controllo degli armamenti e il disarmo del Regno Unito e dei Paesi Bassi hanno contestato le politiche di armamento nucleare dei due Paesi.

Recentemente hanno dichiarato al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite che queste politiche violano il diritto alla vita. che conclude che la minaccia o l'uso di armi nucleari è incompatibile con il diritto alla vita e può costituire un crimine secondo il diritto internazionale.

Le sfide sono state avanzate nei rapporti presentati al Consiglio per i diritti umani da gruppi di organizzazioni nell'ambito dell'Esame periodico universale (UPR) degli obblighi del Regno Unito e dei Paesi Bassi ai sensi del diritto internazionale dei diritti umani, compreso l'ICCPR. (Si veda il rapporto sui Paesi Bassi e il rapporto sul Regno Unito).

Le proposte presentate il 31 marzo contengono diverse raccomandazioni di azioni politiche che i governi potrebbero intraprendere per conformarsi al diritto alla vita. Tra queste, l'adozione di politiche di non primo utilizzo, l'annullamento dei piani di rinnovo dei sistemi di armi nucleari, l'adozione di misure per eliminare gradualmente il ruolo delle armi nucleari nelle loro dottrine di sicurezza e l'avanzamento, alla Conferenza di revisione del TNP del 2022, di un obiettivo per l'eliminazione globale delle armi nucleari entro il 2045, 75° anniversario del TNP.

I documenti contengono anche sezioni che evidenziano le connessioni tra armi nucleari e cambiamenti climatici e includono raccomandazioni al Regno Unito per la riassegnazione dei bilanci delle armi nucleari allo sviluppo delle energie rinnovabili e al finanziamento dell'azione per il clima, e ai Paesi Bassi per sostenere l'iniziativa di portare la questione dei cambiamenti climatici alla Corte internazionale di giustizia.

Nel 2018 il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che la minaccia o l'uso di armi nucleari è incompatibile con il diritto alla vita e che gli Stati firmatari del Patto internazionale sui diritti civili e politici hanno l'obbligo di astenersi dallo sviluppo, dall'acquisizione, dallo stoccaggio e dall'uso di tali armi, nonché di distruggere le scorte esistenti e di perseguire negoziati in buona fede per raggiungere il disarmo nucleare globale. Gli interventi sostengono che le politiche del Regno Unito e dei Paesi Bassi in materia di armi nucleari violano questi obblighi.

Le comunicazioni arrivano in un momento in cui la Russia ha minacciato una guerra nucleare per il conflitto in Ucraina. Ciò ricorda l'importanza vitale di affrontare i rischi delle politiche di deterrenza nucleare. Inoltre, insieme a Cina, Francia, Regno Unito e Stati Uniti, la Russia è uno dei cinque Stati dotati di armi nucleari (NWS). I cinque mantengono la possibilità di iniziare una guerra nucleare. Sono ufficialmente riconosciuti dal Trattato di non proliferazione nucleare (TNP) come possessori di armi nucleari.

I quattro Paesi che non sono elencati nel NWS come Stati dotati di armi nucleari - Pakistan (165), India (156), Israele (90) e Corea del Nord (40-50) - possiedono - e il NWS insieme possiede - un totale stimato di circa 13.000 armi nucleari. La maggior parte di queste sono molte volte più distruttive dell'arma nucleare sganciata su Hiroshima. Anche altri trentuno Stati fanno parte del problema.

Inoltre, Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi e Turchia ospitano armi nucleari statunitensi. Gli Stati Uniti insistono sul fatto che mantengono il controllo operativo di queste armi, ma il fatto è che il loro posizionamento in questi Paesi aiuta la pianificazione della guerra nucleare statunitense.

Oltre ai cinque padroni di casa, ventisei Paesi "approvano" il possesso e l'uso di armi nucleari consentendo il potenziale uso di armi nucleari per loro conto nell'ambito di alleanze di difesa, tra cui l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) guidata dagli Stati Uniti e l'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) guidata dalla Russia.

Alyn Ware, cofondatore di UNFOLD ZERO e direttore dell'Ufficio per la pace di Basilea, una delle organizzazioni che hanno presentato la richiesta, ha spiegato la ragione fondamentale che sta alla base di questa iniziativa: "In tempi di forti tensioni che coinvolgono Stati con armi nucleari e/o alleati, i piani e i preparativi per l'uso di armi nucleari aumentano il rischio di una guerra nucleare che sarebbe una catastrofe umanitaria, con un grave impatto sui diritti delle generazioni attuali e future". "

Ware ha aggiunto: "Il rispetto del Diritto alla Vita rispetto alle armi nucleari è quindi una questione urgente, che ha un impatto sui diritti di tutta l'umanità".

L'importanza delle armi nucleari del Regno Unito risiede nel fatto che il Regno Unito schiera circa 160 testate nucleari (40 su ciascuno dei suoi 4 sottomarini nucleari strategici) che sono pronte ad essere lanciate in qualsiasi momento nell'ambito di opzioni politiche che prevedono l'uso potenziale delle armi nucleari in un'ampia gamma di circostanze, anche in risposta a minacce provenienti da capacità chimiche e biologiche o da tecnologie emergenti che potrebbero avere un impatto simile.

I Paesi Bassi ospitano circa 20 bombe nucleari B61 statunitensi nella loro base aerea di Volkel e mantengono misure operative per "consegnarle" da parte degli aerei F-16 dell'aeronautica olandese a potenziali obiettivi da utilizzare in tempo di guerra.

Se il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite deciderà di raccogliere le sfide e le raccomandazioni contenute nelle comunicazioni e di indirizzarle al Regno Unito e ai Paesi Bassi, i due Paesi sono tenuti a rispondere.

Nel 2020 e nel 2021 sono state presentate proposte simili al Consiglio dei diritti umani e ad altri organismi delle Nazioni Unite per i diritti umani in merito alle politiche nucleari di Russia, Stati Uniti, Francia, Canada, Danimarca, Islanda e Corea del Nord (cfr. Armi nucleari e organismi delle Nazioni Unite per i diritti umani), ma le questioni non sono state affrontate seriamente dagli organismi competenti. Gli ambienti più informati sperano che l'accresciuta minaccia di guerra nucleare derivante dal conflitto in Ucraina possa stimolare il Consiglio per i diritti umani a fare di questo tema una priorità molto più alta per l'attuale ciclo di revisione.

I contributi del Regno Unito sono stati presentati da: Abolition 2000 UK, Aotearoa Lawyers for Peace, Association of Swiss Lawyers for Nuclear Disarmament, Basel Peace Office, Bertrand Russell Peace Foundation, Christian CND, CND Cymru (Wales), International Association of Lawyers Against Nuclear Arms, International Forum for Understanding, Legacy of the Atomic Bomb/Recognition for Atomic Test Survivors (LABRATS), Nuclear Free Local Authorities, Pax Christi Scotland, Scientists for Global Responsibility, Sheffield Creative Action for Peace, Uniting for Peace, Westminster West Rotary Club Peace Committee, Youth Fusion, World Future Council e 80.000 Voices.

I Paesi Bassi hanno presentato proposte da: Aotearoa Lawyers for Peace, Association of Swiss Lawyers for Nuclear Disarmament, Basel Peace Office, Council of Churches in the Netherlands, International Association of Lawyers Against Nuclear Arms, Pugwash Netherlands, Tribunal for Peace, World Future Council, World's Youth for Climate Justice e Youth Fusion. [IDN-InDepthNews - 21 maggio 2022]

Fonte dell'immagine: Ministero della Difesa del Regno Unito